L’annessite è una malattia infiammatoria che generalmente interessa le tube uterine e l’ovaio, ma può anche colpire l’utero stesso. Tuttavia l’infiammazione colpisce maggiormente le tube, mentre l’ovaio e l’utero sono colpiti più raramente. L’annessite è purtroppo una condizione in forte crescita, soprattutto tra le giovani donne. Studi statistici ritengono che circa una donna su 4 soffra di annessite e nel 60% dei casi la condizione si trasforma in annessite cronica.

L’annessite in menopausa: quali sono le cause? L’annessite è una condizione che interessa principalmente le giovani donne, tuttavia sono in aumento i casi di annessite che riguardano donne in menopausa.

La principale causa dell’annessite va rintracciata in un’infezione che può essere trasmessa durante un rapporto non protetto. In questo caso, entrambi i partner sono tenuti a sottoporsi al trattamento. Altre cause sono rappresentate dalle infezioni vaginali (vaginiti) o da infezioni all’utero trasmesse tramite le tube uterine. Infezioni addominali: l’appendicite è un’infezione che può raggiungere l’ovaio tramite un legamento che collega l’appendice all’ovaio stesso. Di conseguenza si ha l’annessite, che rappresenta quindi una complicazione dell’appendicite. Ci sono poi altre infezioni addominali che possono essere trasmesse agli organi genitali, innescando infezioni secondarie.

Quali sono i sintomi dell’annessite? L’annessite interessa nella maggior parte dei casi entrambe le tube uterine, ma talvolta solo una tuba è colpita dall’infiammazione. Anche l’ovaio può però risultare infiammato e a questo punto la condizione diventa sintomatica. I sintomi della forma acuta dell’annessite sono caratterizzati da: dolore nella parte bassa dell’addome, ad uno o ad entrambi i lati: il dolore può essere persistente e diventare anche molto forte, soprattutto in seguito allo sforzo durante la minzione o la defecazione; febbre; perdite vaginali più abbondanti o di aspetto insolito; disturbi del ciclo mestruale: il ciclo può infatti risultare più abbondante e avere una maggiore durata; sensazione di nausea, mal di testa e minzione frequente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment